DALLA NASCITA DEL VIETVODAO ALLA CRESCITA DEL VIETCHIDAO


LA CREAZIONE DEL VIETVODAO

La nascita del Vietvodao ha le sue radici in due incontri storici svoltisi a Limoges, in Francia, nel 1972 e nel 1973: - Riunione del fine settimana del 2 aprile 1972 che chiamiamo LA CONVENTION DI LIMOGES, e la - Riunione del fine settimana del 1 ° aprile , 1973 che chiamiamo incontro per la PROCLAMAZIONE DEL VIETVODAO. In questa data, 4 maggio 2019, ne riepiloghiamo i punti salienti secondo i documenti conservati nei nostri archivi e secondo la buona memoria del Maestro Phan Hoang, presidente e fondatore di VIETVODAO. Il Maestro Phan Hoang, nato nel 1936, gode di un'ottima salute fisica e mentale. Nel corso del 2019, così come negli anni passati, condurrà quattro corsi intensivi di allenamento per la cintura nera in Italia, Polonia e Francia. Questo documento è parte del suo insegnamento ai suoi discepoli durante questa Sessione primaverile.


LA CONVENTION DI LIMOGES.

La Convention di Limoges si svolse durante il fine settimana di Pasqua, dal 1 ° al 2 aprile 1972, nel campus dell'Università di Limoges. Fu organizzata dal Maestro Phan Hoang con il sostegno dei suoi discepoli dell'Istituto Nghia Long, in particolare con la grande dedizione di Phi-Long Petersen e Karen Khiem-Long. Per comprendere lo scopo di questa convenzione va ricordato che in quel periodo c'era un certo numero di maestri di arti marziali vietnamite che praticavano, in Francia e in alcuni paesi europei, le loro arti designandole con vari nomi come Vo, Vo Ta, Vo Lam, Thieu -Lam Vo, Thai-Son-Lam, Kung-Fu, Thanh-Long, Han-Bai, Quan-Ky, Boxe indo-cinese, Boxe vietnamita, Vo Viet-Nam ecc. Per tale motivo si sentiva il bisogno di unirsi in una federazione, per determinare obiettivi comuni e armonizzare i programmi tecnici. Questo era lo scopo di questa convenzione. C'erano una trentina di partecipanti venuti sotto la guida dei rispettivi maestri. Ecco l'elenco dei sette maestri fondatori:

-Master NGUYEN DAN PHU (60) - Thanh-Long; Montlucon
-Master BUI VAN THINH (60) - Massy-Palaiseau
-Master NGUYEN TRUNG HOA (59) -Thai-Son-Lam; Saint-Maurice
-Master HOANG NAM (40) - Kung-Fu; Paris
-Master TRAN PHUOC TASTEYRE (29) -Han-Bai; Massy
-Master PHAM XUAN TONG (25) -Quan-Ky; La Seyne-sur-Mer
-Master PHAN HOANG (36) -Nghia-Long Institute – Limoges

Le discussioni si svolsero sabato sera, 1 aprile 1972 e proseguirono nella mattinata di domenica 2 aprile 1972. Approfittando del bel tempo, il pomeriggio venne trascorso all'aperto, vicino al Pont du Dognon. Il quotidiano La Montagne del 5 aprile 1972 riportava in dettaglio le attività di questo pomeriggio storico in uno dei suoi articoli. In questo primo incontro si stava ancora cercando un nome per la nuova disciplina creata, che avrebbe unificato i diversi gruppi. Nell'articolo del giornale La Montagne il termine Kung-Fu era usato in senso generale come sostantivo che significa arte marziale, e non come il nome di una disciplina. La fine del pomeriggio trascorse piacevolmente in un dojo di Aikido, per gentile concessione del professor Jean Claude Beaudufe, collega e amico del Maestro Phan Hoang. A turno ogni maestro condivideva con il gruppo alcune tecniche o un quyen del proprio stile. Questa sessione fu quindi l'inizio della cristallizzazione tecnica che diede vita al Vietvodao Training Program dell'anno successivo.
Alla fine di questa convention, tutti i maestri sostennero all'unanimità l'idea di una federazione per promuovere una disciplina comune. Per rendere questo progetto una realtà, il Maestro Phan Hoang venne eletto leader per creare l'infrastruttura necessaria. Con entusiasmo, prima di salutarsi, tutti i partecipanti si impegnarono a rivedersi l'anno successivo, nello stesso periodo. Alla fine di questa convention qualcosa di invisibile aveva solidamente cementato i sette maestri vietnamiti in una nobile missione.

LA PROCLAMAZIONE DEL VIETVODAO.

Dopo un anno pieno di scambi, comunicazioni e preparativi, arrivò il fine settimana dal 31 marzo al 1 aprile 1973. I maestri e i partecipanti arrivarono ​​a questo incontro con lo spirito dei combattenti, pronti a lottare per il loro progetto. Le discussioni proseguirono nella serata di sabato su diverse questioni riguardanti l'organizzazione e il futuro della nuova federazione. Ma la discussione più importante fu per la scelta del nome della nostra nuova disciplina. Vi furono diverse proposte e infine fu scelto VIETVODAO. In effetti il ​​nome completo, ad oggi, è VIETVODAO QUOC-TE. Quoc-Te significa internazionale, rispetto a Quoc-Noi = all'interno del Vietnam. Questo termine è una chiara affermazione che la nuova disciplina VIETVODAO è internazionale e opera al di fuori del Vietnam. In Francia, a Limoges, il 1 ° aprile 1973 nacque la FEDERATION FRANÇAISE DE VIETVODAO. Negli anni che seguirono, VIETVODAO fu sviluppato anche in altri paesi.
Domenica mattina presto, i maestri fecero un'escursione al monte Gargan, non lontano da Limoges, per una sessione di meditazione e riflessione. Si sentivano legati insieme dalla fratellanza, nella Via come nella vita. Così nel pomeriggio, in un ambiente rurale, vicino al Pont de la Gabie, ebbe luogo una commovente cerimonia di Ket-Nghia: "Il cielo e la terra sono testimoni, giuriamo fraternità ..." In ordine di età, Maestro NGUYEN DAN PHU essendo il più anziano e Maestro PHAM XUAN TONG il più giovane, i sette maestri prestarono giuramento. Ogni master ha un nome di arte marziale con il suffisso LONG, che significa Drago. I sette maestri fondatori di VIETVODAO costituiscono il gruppo dei Sette Draghi Fondatori. Il Maestro Phan Hoang, essendo il Presidente Fondatore, proclamò la fondazione della disciplina VIETVODAO e la creazione della prima federazione nazionale in Francia; altri paesi sarebbero seguiti.

LISTA DEI 7 MAESTRI FONDATORI


-Maître NGUYEN DAN PHU (60) - Thanh-Long; Montluçon
-Maître BUI VAN THINH (60) – Massy-Palaiseau
-Maître NGUYEN TRUNG HOA (59) –Thai-Son-Lam; Saint-Maurice
-Maître HOANG NAM (40) – Kung-Fu; Paris
-Maître TRAN PHUOC TASTEYRE (29) –Han-Bai; Massy
-Maître PHAM XUAN TONG (25)–Quan-Ky; La Seyne-sur-Mer
-Maître PHAN HOANG (36) -Institut Nghia-Long – Limoges

Per due anni, dopo questa creazione, diversi altri maestri si sono uniti al gruppo:

-Master NGUYEN TIEN,
-Master TRAN MINH LONG,
-Master TRAN HUU HA,
-Master TRUONG VAN MANH
-Master NGUYEN NGOC MY.

Oggi, 46 anni dopo, il Maestro Phan Hoang sente ancora la responsabilità di aver avviato la Convenzione di Limoges, che ha portato alla nascita di una grande disciplina ora conosciuta nel mondo, il VIETVODAO, per ricordare a tutti i discepoli la grandezza di questo periodo storico e per glorificare i Maestri che, idealmente, hanno contribuito a costruire la nostra ARTE. Continuando la strada che si sta espandendo in ogni momento verso il futuro, verso generazioni di maestri, il Maestro Phan Hoang non dimentica i suoi compagni e tutti i discepoli che hanno contribuito notevolmente al movimento. Conserva con cura nei suoi archivi le lettere, i documenti, le foto che gli permettono di glorificare questi costruttori di VIETVODAO in un libro che lascerà a tutti. Il giorno dopo la nascita di VIETODAO, ci siamo confrontati con l'immenso compito dell'organizzazione e all'esterno eravamo pronti a combattere su tutti i fronti per conquistare il nostro diritto all'esistenza. Finalmente, dopo cinque anni di strenua lotta, il VIETVODAO ottenne il riconoscimento ufficiale del governo francese da un Agrément datato 31 marzo 1978 dal Secrétariat d'Etat à la Jeunesse et aux Sports. Oggi per lasciare un messaggio per la nuova generazione, il Maestro Phan Hoang direbbe: "Non dimenticate che siamo combattenti per una nobile causa, e un combattente non ha mai paura di combattere. ESSERE FORTI, ESSERE UTILI”.

 




LA VIA INTERNAZIONALE

Avendo dato ottimo inizio alla sua missione in Francia, nel 1981 il Maestro Phan Hoang affidò la direzione della FEDERATION FRANÇAISE DE VIETVODAO a un nuovo presidente eletto, il Maestro Gérard NGUYEN. Poté così dedicare i suoi sforzi allo sviluppo internazionale e alla missione di aggiornare il Vietvodao. Nel gennaio 1983 fece un tour mondiale della durata di un anno. Ci sarebbe molto da dire su questo viaggio quasi leggendario nelle arti marziali e nella spiritualità, ma il punto importante da ricordare qui è che il Maestro Phan Hoang ha effettuato una profonda revisione del concetto di Arte Marziale. È giunto alla conclusione che per una migliore rappresentazione delle arti marziali vietnamite, Vietvodao dovrebbe concentrarsi sullo stile classico delle arti marziali rimanendo fedele al contributo dei Sette Maestri Fondatori. D'altra parte, da una diversa prospettiva è emersa una nuova via: quella che si allontana dal classico e dal tradizionale per avvicinarsi in modo concreto alla nozione di bellezza e armonia nel contesto del prossimo ventunesimo secolo. Vietvodao può fornire materiale grezzo per la costruzione di altre discipline che hanno un valore diverso per uomini e donne. Nel gennaio 1984, il Maestro Phan Hoang lasciò definitivamente la Francia per stabilirsi a Montreal, in Canada; la sua famiglia lo seguirà più avanti. Come professore a pieno titolo, in possesso di una posizione elevata nella ricerca, si è spinto ancora più in profondità per esplorare diversi orizzonti del "fenomeno delle arti marziali". Dallo stato di riflessione è entrato in azione creando diverse discipline radicate nel Vietvodao ma che si muovono verso orizzonti differenti.

LA VIA DEL VOVIET.

Il VOVIET, una nuova versione di Vietvodao, è definito come un'arte marziale raffinata e culturale, con una serie di quyen progettati per elevare, attraverso la bellezza e la profondità del movimento, il valore e la dignità dello studente. I programmi di allenamento di VOVIET si adattano all'ambiente degli studenti e si evolvono nel tempo. I cinque quyen fondamentali hanno i loro temi educativi centrati sulla cultura millenaria vietnamita, in particolare il quinto quyen, TAM PHAP, è un tesoro eccezionale nel mondo delle arti marziali. Il VOVIET incontra le aspirazioni di coloro che amano praticare le arti marziali ma non amano le lotte violente, la loro aspirazione è quella di rafforzare la propria autostima senza coltivare l'aggressività.

LA VIA DEL VIETTAICHI .

Il VIETTAICHI deriva da Vietvodao, senza essere un'arte marziale. I movimenti nel Viettaichi sono di notevole bellezza, che riflette lo spirito nobile dello studente. I quyen sono abbondanti e offrono una grande scelta per gli studenti. Tra i trenta quyen del programma, il TINH MAT è un “libro vivente” su dodici meridiani e punti vitali in agopuntura. VIETTAICHI è un modo esterno di coltivare la personalità dello studente nella società. Soddisfa le aspirazioni di coloro che amano praticare gli eleganti movimenti delle arti marziali vietnamite ma non amano la rigidità dell'allenamento nelle arti marziali. Il loro obiettivo è coltivare una buona salute e la gioia di vivere in armonia. VIETTAICHI viene definito una Via esterna mentre VIETKHIPHAP è una Via interna.

LA VIA DEL VIETKHIPHAP.

VIETKHIPHAP ha le sue radici nelle tecniche interne di Vietvodao, che sono state incluse solo raramente nel programma di formazione pubblica degli anni '70. VIETKHIPHAP è una disciplina mirata a coltivare il potere interiore dello studente. I suoi quattro quyen di base rivelano la connessione delle persone con la natura attraverso le quattro stagioni. I suoi cinque metodi di respirazione sono un contributo raro, frutto di un'enorme quantità di ricerche, che offrono agli studenti un vero libro vivente con 18 esercizi. Il VIETKHIPHAP incontra le aspirazioni di coloro che amano la profondità dell'addestramento interno, la buona salute, il grande autocontrollo e la felicità nella vita di tutti i giorni. VIETKHIPHAP è la Via delle persone che vivono in armonia con la Natura. In una parola, VIETKHIPHAP è la grande via della tranquillità.

LA VIA DEL VIETCHIDAO.

VIETCHIDAO è la cristallizzazione delle migliori tecniche attraverso le otto discipline fondate dal Maestro Phan Hoang. È importante notare che VIETCHI è il nome dell'organizzazione che gestisce le nostre associazioni in diversi paesi, mentre VIETCHIDAO è il nome della disciplina che riflette i valori fondamentali delle nostre arti.

CONCLUSIONE

Ad oggi, il Maestro Phan Hoang ha messo a disposizione dei suoi discepoli più di 108 quyen e un gran numero di esercizi, oltre a molti manoscritti sulla Via, la Strategia e così via. Oggi il prezioso contributo di Maestri, Insegnanti e Cinture Nere di nuova generazione continua a crescere per preparare il futuro delle nostre discipline. L'Istituto Vietchi ha già pubblicato una dozzina di libri e altri libri verranno a consolidare la nostra collezione di libri del Maestro Phan Hoang. Nella nostra numerosa famiglia, tutti, dai principianti ai discepoli avanzati, devono avere il loro posto per contribuire al progresso collettivo.


Phan Hoang
Ontario, 4 maggio 2019.

Una felice giornata di primavera, prima di andare in Italia, Polonia e Francia per le sessioni di allenamento annuali