Quotazioni

Net Notes
Cos'è il Browser

Net Notes nr. 1
Livello: Base

Con questa prima puntata della rubrica Net Notes, partiremo da zero, o quasi, parlando del Browser.
Se state leggendo questo articolo significa che,  un browser lo state usando, a prescindere da quale sia il computer che avete, sia esso un classico PC, un tablet, uno smarphone, un notebook, ecc.
Dalla definizione di Wikipedia, un browser è: "...un programma che consente di usufruire dei servizi di connettività in Internet, o di una rete di computer, e di navigare sul World Wide Web."
In termini piu pratici è quel programma che vi permette di vedere le pagine web dei siti, di andarvi a leggere la mail, di vedere i post dei vostri amici su Facebook e anche, ovviamente, di leggere questo articolo.


Volendo semplificare al massimo e senza andare troppo nei dettagli, possiamo dire che una pagina internet è scritta con un particolare linguaggio informatico detto di marcatura, che è un insieme di istruzioni su come deve essere visualizzata la pagina in tutte le sue parti, il testo, le immagini, i video, i collegamenti alle altre pagine o siti e così via. Questa pagina inoltre può risiedere fisicamente in un computer remoto (che chiamiamo sito) in qualsiasi parte del mondo.
Il browser non fa altro che collegarsi alla pagina remota, interpretare queste istruzioni e mostrarci la pagina a video. Tutte le altre funzionalità, rispetto a questa, sono secondarie.
Di browser ve ne sono diversi e tra i piu famosi citiamo Chrome, Firefox, Internet Explorer, Safari, Opera.
Vi chiederete: Perché ce ne sono tanti? Non ne bastava uno solo per rendere le cose piu semplici?
Domanda leggittima, ma c'è da tener presente una questione: come qualsiasi altro programma, anche un browser può essere inventato, scritto e distribuito su internet da chiunque, così alcuni tra i maggiori marchi della tecnologia di internet di oggi ne hanno creato uno e cercato di distribuirlo, nel corso degli anni, ai propri clienti, sostenitori o fan.
Se avete acquistato un computer con Windows come sistema operativo, molto probabilmente ora starete usando il suo browser predefinito, Internet Explorer di Microsoft, così come se state usando un tablet con sistema operativo Android o un Chromebook, con buona probabilità navigherete su internet usando Chrome di Google, o ancora, se siete dei fan della Mozilla Foundation, vi piacerà certamente il suo browser Firefox.
Questo solo per citare i più famosi, ma ne esistono diversi altri e ognuno di noi può usare quello che più gli aggrada, a seconda dei propri gusti, preferenze o ambiente di utilizzo. Potreste benissimo avere un computer con sistema operativo FreeBSD e voler usare il browser Konquerror. Le possibilità sono molteplici.

Non ha importanza quale browser usiate e con quale sistema operativo o computer. La cosa che più ci interessa in questo articolo è che con il browser potete accedere a un sito internet digitando il suo indirizzo nella barra degli indirizzi e salvare gli indirizzi dei siti che visitate piu spesso in una raccolta detta Preferiti o Bookmarks.

Vediamo un esempio di utilizzo...

Fig. 1. Digitare un indirizzo
La figura 1 qui a lato, mostra come accedere a un sito dalla barra degli indirizzi del browser Chrome. Basterà scrivere l'indirizzo del sito, ad esempio www.vietchiinstituteoderzo.it nella barra degli indirizzi e premere il tasto Invio.
Chrome si collegherà al sito e vi mostrerà la pagina richiesta.

Fig.2. Aprire la pagina
Una volta aperta la pagina, come si vede nella figura a lato (usiamo come esempio sempre la pagina del nostro sito), questa può essere salvata nei Preferiti allo scopo di aprirla più rapidamente le volte successive senza dover riscrivere l'indirizzo del sito sulla barra degli indirizzi in alto, semplicemente cliccando sull'icona gialla a forma di stella. (Ved. la freccia rossa in Figura 2).

Fig. 3 - Aggiungi Preferito
Come vedrete dalla Figura 3, si aprirà una piccola finestra per aggiungere il Preferito alla libreria dei Preferiti. Basterà cliccare sul tasto "Fine", il sito Preferito verrà salvato e il gioco è fatto! Semplice no?
E' più facile farlo che spiegarlo.
Ora approfondiamo un pochino...
Chrome permette di salvare i siti Preferiti in un barra detta Barra dei Preferiti (attivabile dal menu) posta visivamente al di sotto della barra degli indirizzi, oppure nel Menu dei Preferiti.
Cliccando sul box "Cartella" si può scegliere dove salvare il Preferito, nella barra dei Preferiti, nel menu Altri Preferiti, o di creare una cartella apposita. La Barra dei Preferiti è più "in vista" e a portata di click e vi permette di aver sott'occhio i vostri siti che preferite e aprirli con un solo click.

Fig.4 - Modifica Preferito
Cliccando sul tasto "Modifica..." si ottiene lo stesso effetto di scegliere un'altra cartella dal box Cartella.
Il Nome può essere un semplice nome familiare che se vogliamo possiamo dare al sito, come potrebbe essere per esempio: "Centro Tụê Phong". L'URL è il vero e proprio indirizzo internet del sito e quello rimane inalterato.
I Preferiti sono organizzabili in una struttura a cartelle e si può decidere al momento in quale cartella salvare il Preferito o se crearne una nuova a nostro piacimento.
La struttura a cartelle permette di salvare molti siti Preferiti e di organizzarli secondo le proprie preferenze, categorie, gusti, ecc.
Una volta scelto dove salvare il nostro nuovo sito preferito basterà un click sul tasto Salva e avremo finito.


Fig. 5 - Menu Gestione Preferiti
Col tempo la nostra raccolta di siti preferiti potrebbe crescere e Chrome ci permette di organizzarla al meglio in qualsiasi momento semplicemente aprendo la "Gestione Preferiti", dal menu di sistema di Chrome (ved. l'icona immediatamente a destra della stellina gialla) basterà selezionare le voci "Preferiti" e poi "Gestione Preferiti". Vedi la Fig. 5.






Fig.6 - Gestione Preferiti
La Figura 6 qui a sinistra mostra la "Gestione Preferiti" di Chrome. In questo caso ne abbiamo solo uno.
Da qui si possono gestire tutti gli aspetti dei Preferiti, dal dove visualizzarli, al rinominarli, cancellare quelli che non ci interessano più, ricercare un Preferito nel caso ne abbiamo molti e non ricordiamo qual'è quel sito che vorremmo andare a rivedere ma di cui non ricordiamo il nome, e anche creare nuove cartelle per organizzarli secondo i criteri che riteniamo migliori in base ai nostri gusti o preferenze.


Fig.7 - Siti aperti di recente
La Gestione dei Preferiti è una delle funzioni base di Chrome, ma anche se non li usiamo molto o se non abbiamo una raccolta di preferiti perchè magari i siti che visitiamo abitualmente non sono piu di tre o quattro, Chrome ci aiuta comunque a trovare i siti che ci interessano, mostrandoci una lista di siti che visitiamo abitualmente ogni qualvolta, per esempio, digitiamo sulla barra degli indirizzi, anche parzialmente, il nome di un sito o anche appena apriamo Chrome ci viene mostrata appena sotto la barra di ricerca di Google, una griglia con la cronologia dei siti visitati di recente. (ved. Fig. 7 qui a lato). Insomma, il browser ci permette di trovare i siti che cerchiamo in diversi modi e possibilmente nel più breve tempo.

In questo primo articolo della rubrica Net Notes, abbiamo quindi visto cos'è un browser e introdotto solo una delle sue principali caratteristiche prendendo come esempio Chrome di Google. Ve ne sono naturalmente altre, come la navigazione a schede, la modalità di navigazione in incognito, che cerca quanto piu possibile di preservare la privacy nel web, l'utilissima funzione di ricerca in una pagina, le estensioni, ecc, ecc... Insomma, ci sono una marea di funzionalità.
La Gestione dei Preferiti è comunque una caratteristica comune e simile in quasi tutti i browser. Prendere ad esempio Firefox di Mozilla, o Safari di Apple, non sarebbe stato molto diverso.
Ho scelto di portare alcuni esempi sull'uso di Chrome semplicemente perché, ultimamente, la sua diffusione mondiale è in notevole crescita (fonte: Wikipedia), senza naturalmente voler togliere nulla a tutti gli altri ottimi browser in circolazione.
Quindi, quale usare? Semplice, quello con cui vi trovate meglio!

Qualunque sia il browser che usate, in qualunque dispositivo, l'importante è che venga mantenuto costantemente aggiornato all'ultima versione disponibile, perché è piu probabile che con l'ultima versione siano stati corretti un maggior numero di problemi di funzionamento (nessun software ne è completamente esente), aggiunte caratteristiche di sicurezza, migliorata la capacità di visualizzazione delle pagine web, aggiunte nuove funzionalità al passo con le piu recenti tecnologie.
Questo, in altre parole, ci permette di fruire piu agevolmente e velocemente delle risorse su internet e trovare piu rapidamente quello che ci interessa.
Diversi browser, se non la maggior parte, sono in grado di autoaggiornarsi da soli, chiedendovi al massimo il consenso prima di farlo e quindi anche in questo frangente cercano di semplificarci la gestione il più possibile.

A questa pagina trovate ulteriori informazioni sui browser e un po di storia.
Guardate invece qui per curiosità quanti tipi di browser ci sono in circolazione... altro che tre o quattro!

Ah, se non ci avete ancora dato un occhiata, qui c'è una breve descrizione sulle Net Notes e sul loro "perché" ...
Appuntamento alla prossima puntata della Net Notes... Parleremo di email.

Nessun commento:

Posta un commento